Hombolo – Tanzania

NUOVO PROGETTO

Sostegno alla scuola e all’officina di Hombolo-Dodoma

Il progetto scuola/officina di Hombolo

Nel novembre 2022 sono ripresi i contatti con la scuola e l’officina di Hombolo in Tanzania, dove Stefano Ciceri ha iniziato la sua attività di volontario insegnando meccanica e altre tecniche agli studenti del tempo.

Hombolo-Dodoma, Tanzania

Uno degli studenti, Joel Ngosso divenuto il direttore della struttura, ci ha contattati per una richiesta di sostegno a quella che ora è divenuta una realtà articolata, che accoglie ben 100 studenti l’anno in corsi di meccanica, carpenteria, elementi di ingegneria e matematica, informatica. Tutto questo è applicato direttamente nell’attività pratica nell’officina, dove vengono prodotti tra l’altro macchinari utilizzati nell’agricoltura.

Questo ‘circolo virtuoso’ è però ostacolato dalla carenza di apparecchiature dell’officina, molte delle quali obsolete, nonché dalla scarsità di fondi per sostenere il funzionamento della scuola, dovuto all’estrema povertà dei giovani e delle loro famiglie per sostenere il pagamento delle rette scolastiche.

Il sostegno richiesto da Joel riguarda sia la fornitura di attrezzature e macchinari per l’officina e la scuola, che il sostegno a studenti meritevoli o in difficoltà per il pagamento delle rette, o per coloro che provenendo da lontano devono soggiornare nei pressi del villaggio di Hombolo.

JEVTC – I dettagli del progetto

JEVTC (Joel Education and Vocational Training Centre) nasce nel 2019 grazie a Joel Ngosso, uno dei tecnici formati da Stefano Ciceri nell’officina della missione dei Padri Stimmatini nel periodo da lui trascorso ad Hombolo e tuttora attiva.  

Per poter continuare in modo efficace l’attività della scuola, che conta circa 50 studenti, il fondatore del centro di formazione necessita di strumenti didattici e tecnici specifici, per l’acquisto dei quali, AMICIC ha stanziato e già inviato una somma che ha coperto la quasi totalità del costo delle attrezzature richieste. 

L’Associazione, allo scopo di dare continuità al solco tracciato a suo tempo da Stefano Ciceri, ha accolto con grande entusiasmo le richieste di Joel ed è disponibile anche in futuro a raccogliere fondi per la prosecuzione e l’incremento delle attività del Centro, che rappresenta una concreta opportunità di lavoro per decine di giovani.

La scuola è poi entrata a far parte di un progetto ancora più grande di Microcredito con aziende locali che necessitano di macchine particolari per la lavorazione di cereali locali. Il progetto è stato valutato da Amicic che verificherà la possibilità di raccogliere fondi creando sinergie con altre associazioni.

E’ iniziato un nuovo cammino in Tanzania!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *