info@amicic.it

Ricordando mama Luisa

Home / Ricordando mama Luisa

Amici miei, tra i vari lutti in questo periodo abbiamo anche quello della nostra cara amica conosciuta come “la signora Levi”. Luisa e io eravamo molto affiatate, erano gli anni d’oro dell’oratorio guidato da don Franco Cioffi e degli esordi del volontariato dei laici alla comunità della Sacra Famiglia. Stefano nel lontano 1981, prima di partire per due anni consecutivi alla volta della Missione dei Padri Stimmatini in Tanzania per realizzare un’officina meccanica con il supporto delle macchine dismesse della Necchi e un corso di addestramento dei giovani locali oltre ad altre iniziative sociali, la convinse ,anche su idea di Padre Cesare Orler, a creare un corso utile anche alle ragazze, ovvero, vista la sua abilità nella sartoria, un corso di taglio e cucito, una vera novità in un villaggio della savana dove nessuno conosceva o sapeva neppure nominare ‘ago’. Lei accettò d’entusiasmo e, siccome poi siamo partite in un bel gruppo insieme, potrei raccontarvi tanti aneddoti, avremmo dovuto passare la ‘vecchiaia’ per ripeterci tutte le belle esperienze fatte. Lei era seria e creativa, una vera maestra per quelle giovani, che imparavano incoraggiate dal suo affetto e dalla sua fantasia. Sapete che in Tanzania si usa portare tradizionalmente il kanga, due metri di cotone colorato che si può vestire in vari modi; bene lei era arrivata a inventare la versione invernale, in stoffa più pesante. Erano incantate, si sentivano rispettate e valorizzate. Senza conoscere ancora il kiswahili, Luisa si faceva capire, quando c ‘e’ amore, basta un sorriso!
Tocca purtroppo a me parlarvi di lei in questa strana Pasqua che ci fa sentire ancora più forte il bisogno di vivere. Io la vedo lassù con i suoi cari e con Stefano, la mamma e i Missionari che ci hanno preceduto, ma sono triste per averla persa qui.
Le suore di S. Gemma Galgani della casa delle ragazze di Hombolo, tra cui la più brava: Getrida che da tempo gestisce un centro di sartoria per abiti da sposa ai piedi del Kilimangiaro e non da ultimo il suo affezionato Padre Agapiti Ndorobo, nostro caro amico, oggi Vescovo di Mahenge (TZ) (vedi anche Associazione Agapiti Onlus) che la considerava una mamma, si sentono orfani senza ‘Mama Luisa’, che ha continuato a mantenere i suoi rapporti con l’Africa. Ultimamente era un po’ bloccata dagli acciacchi e da un anno non la vedevo, ma era ancora utile, preziosa mamma e nonna. Con le mie lacrime vi mando un articolo che Paola ha recuperato e delle foto che parlano da sole. La prima foto è del luglio ’82 inizio del corso prima volta in Tanzania, l’articolo e’dell’84, due anni dall’avvio del corso, ma lei vi era tornata nell’83 data della seconda foto la terza è stata scattata dalla figlia Paola, che l’ha raggiunta nell’86. Luisa è scesa poi una quarta volta nell’88.
Tra un viaggio e l’altro ha imbastito e tessuto nuove relazioni per gruppi di volontari /ie per assicurare l’appoggio alle sue ragazze, il cui lavoro è diventato fonte di guadagno per le loro famiglie, visto che le loro confezioni hanno ancora successo al mercato mensile del villaggio.
Maria Luisa Bogliani Levi è nata il 25 Febbraio 1936 a Pavia ed è mancata il 16 marzo 2020. Il pensiero di Madre Teresa di questo giorno dice che la preghiera quotidiana purifica il cuore e farà trattare chiunque con amore e rispetto. Mi richiama Luisa!
Le nostre condoglianze, Paola e famigliari tutti. Ma lei è viva più che mai in Cielo. E’ Pasqua!
Maria Teresa Ciceri